Il pianista muto di Paola Capriolo





Su una spiaggia deserta di un paese nordico sul mare, viene trovato, quasi privo di sensi, un giovane bagnato, zuppo dalla testa ai piedi.

Nadine, lo porta nell'ospedale dove lei stessa lavora come infermiera.
Il ragazzo assistito da medici e infermieri, non parla e non ha una identità. Gli viene dato un foglio e disegna un pianoforte.
Quando gli fanno vedere lo strumento il ragazzo comincia a suonare meravigliosamente.
La musica è il suo mondo, i medici rimangono colpiti e sbalorditi dalla bravura e dalla maestria di quelle mani.
Suona tutti i giorni e la musica di Schubert, di Beethoven blocca e "sblocca" la mente di tutti i pazienti dell'istituto psichiatrico. Il ragazzo viene assistito, "curato" e ... studiato.
Il segreto che il pianista muto nasconde è come la musica che egli riproduce. Lui esprime tutta la sua sensibilità non con le parole ma con le note di Mozart e di Chopin
La conclusione della storia non è all'altezza delle aspettative.
E' comunque un libro che merita una lettura.
I miei appunti in ultima pagina sintetizzano così: bello! ombroso! amaro!

Break
per Illumilibro

Commenti